IL CAMERIERE VINCENTE: come smettere di fare il “porta piatti” e diventare un “portatore di cultura”!

Come trasformarsi da un “𝐩𝐨𝐫𝐭𝐚 𝐩𝐢𝐚𝐭𝐭𝐢” a un “𝐩𝐨𝐫𝐭𝐚𝐭𝐨𝐫𝐞 𝐝𝐢 𝐜𝐮𝐥𝐭𝐮𝐫𝐚”?
Come una lamentela può trasformarsi in un’opportunità di conquistare e fidelizzare l’ospite?
L’arte della comunicazione per ospiti con esigenze alimentari specifiche: come gestire le richieste ed evitare di prendersi inutili responsabilità?

🗓 Quando: 26/27 Febbraio ore 15-18
📍Dove: c/o Caesar’s Hotel
👩‍🏫 Docente: Concetta D’Emma, ideatrice del metodo Food Factor Challange e fondatrice dell’#unconventionalhospitality
💰 Investimento: 1° Edizione 95,00 € invece di 195,00 €
💥 PROMO: porta un amico/collega GRATIS. Promo valida solo per i primi 5 iscritti entro il 12/02!
‼️MAX 25 POSTI
Per iscriverti e vedere il programma completo clicca sull’evento Il Cameriere Vincente!

___________________________________________________________________________________________________________________________________

Obiettivi e Finalità del Corso:
– Incrementare le opportunità di business e migliorare la brand reputation sia per l’azienda che per il territorio, grazie ad una performance migliore del Cameriere Vincente.
– Acquisire e sviluppare il Fattore Empatia per poter comprendere in profondità le esigenze dei clienti, anticipando così le richieste e trovando nuove soluzioni a seconda del caso (problem-solving creativo).
– Creare maggior valore per l’azienda, grazie alla soddisfazione di nuove tipologie di clientela con stili alimentari e di vita diversi.
– Acquisire nuove tecniche di Storytelling Enogastronomico per poter vendere di più e meglio e per fidelizzare la clientela.
– Imparare nuove strategie di marketing “non convenzionale” per vendere meglio se stessi, le proprie proposte e la propria azienda anche sui social, con lo scopo di attirare nuovi “followers” e nuovi potenziali clienti.
– Scoprire ed utilizzare le parole giuste e le tecniche di comunicazione più efficaci in funzione degli ospiti e della situazione di servizio.
– Lavorare ed allenarsi sulle proprie abilità per diventare la versione migliore di sé, che porta a credere di più in se stessi e ad essere più ricercati sia dai clienti che dagli imprenditori.
– Imparare a creare sistema per valorizzare il territorio, l’azienda e le attività locali in un’ottica di sostenibilità ambientale, economica e sociale, adempiendo alle linee guida internazionali dei 17 Goals delle Nazioni Unite.

Destinatari
A tutti gli operatori del settore Hotellerie, aperti di mente, desiderosi di migliorarsi continuamente e che vogliano fare la differenza, creando nuove esperienze enogastronomiche uniche e indimenticabili per tutti i clienti, anche per quelli con esigenze alimentari più particolari. Il tutto senza dimenticarsi di trasmettere autenticità, passione e rispetto per il proprio territorio, per i fornitori che ne fanno parte, per gli ospiti e per il proprio team.

Principali contenuti del Corso:

Il Territorio anche per Viaggiatori con Stili Alimentari Diversi.
1) L’arte dell’Accoglienza: come anticipare le richieste, trasmettere il Fattore Fiducia e il Fattore Sicurezza anche verso i clienti con esigenze alimentari specifiche, dalla prenotazione telefonica, ai tavoli, ai social media.
2) Identikit degli Unconventional Foodies: come gestire e soddisfare le richieste di ospiti vegetariani, vegani, celiaci, intolleranti al lattosio, sportivi, con credo religioso diverso, ecc. Nuovi trend e nuovi stili alimentari e di vita come leva di marketing per nuove opportunità di business.
3) Menù Engeneering: come vendere di più con i menù, e come crearne di nuovi che tengano conto anche delle diverse esigenze alimentari, con lo scopo di generare ulteriore guadagno nel proporli perfino ad una clientela più “convenzionale”.

Storytelling & Story-Selling Enogastronomico
1) Come raccontare la storia di un piatto dai 10 secondi ai 2 minuti, a seconda della tipologia del servizio e della clientela che stai servendo.
2) Come creare un buon team tra sala e cucina e motivarlo, affinché produca di più, aumenti i margini di guadagno e fidelizzi la clientela.
3) Tecniche di vendita in loco: upselling, cross-selling e down-selling. come creare l’effetto “wow” davanti al cliente per fidelizzarlo e fargli parlare di noi sui social.
4) Chi domanda comanda: il potere delle domande giuste nel momento giusto, per vendere di più e meglio e per avere i clienti come consulenti a a costo 0.
5) Come trasformare una lamentela o un’esperienza negativa del cliente in un’opportunità per sorprenderlo, fidelizzarlo e far sì che parli bene di te con gli amici e sui social.

Food Photography e Social Media.
1) Come fotografare i piatti e raccontarli su Instagram per attirare nuova clientela, aumentare i followers e incentivare i clienti a venire a trovarti, anche se non sei uno “smanettone” né un fotografo professionista.
2) Il “Cameriere Vincente” sui social: come diventare protagonista per fidelizzare i clienti, creare valore per se stessi e per l’azienda in cui si lavora, senza risultare megalomane ma trasmettendo passione ed autenticità.
3) Strategie di Marketing non convenzionale: come creare l’effetto “wow” davanti al cliente per fidelizzarlo e fargli parlare di noi sui social.
4) aumentare il proprio data-base, quali strumenti gratuiti usare per creare e raccontare la storia delle nostre proposte food&beverage, del territorio e dell’azienda.

Metodologie usate:
Si tratta di Formazione Esperienziale.
Ogni lezione è arricchita da Tecniche di Coinvolgimento e Vendita tramite role-play specifici, utilizzando anche i 4 colori della voce. LAVORI DI GRUPPO (giochi di ruolo e a squadre). Viene valutata: la capacità di suddividersi i compiti a seconda delle caratteristiche dei singoli componenti, la capacità di aiutarsi a vicenda, la gestione del tempo in funzione del lavoro e dell’obiettivo da raggiungere, la qualità dell’esposizione, l’efficacia del lavoro in team, la creatività e la capacità d’improvvisazione quando richiesto oppure in caso di “emergenza”.